SOSTIENI I PROGETTI

ISCRIZIONE

ISCRIZIONE

Facebook

La partecipazione secondo i minorenni in Veneto

Sabato 30 settembre vedrà i rappresentanti dei ragazzi coinvolti in una giornata di riflessioene  dialogo con gli adulti sul tema della partecipazione alla vita pubblica dei giovani.
Il Consiglio d'Europa, in quanto massimo organo di verifica sull'attuazione dei diritti dei cittadini, interroga, a cadenza periodica, gli stati dell'unione e quindi per 2017 l'Italia è sottoposta ad un monitoraggio su coordinamento del Ministero degli Esteri e del Comitato Unicef. Da marzo 2017 l’associazione Amici del Villaggio è delegata per effettuare una rilevazione regionale in Veneto e a tale scopo organizza il 30/09/2017 una giornata di lavoro che vede la partecipazione di ragazzi della scuola secondaria di primo grado (medie), età 10-14 anni, e di rappresentanti amministrativi, assessori o responsabili delle politiche giovanili, dei 20 Comuni di pianura del Distretto 1 dell'Azienda ULSS 7 Pedemontana. Il pomeriggio è aperto a tutti previa prenotazione, scarica il volantino e il programma qui.





“Building a Europe for and with children”

La strategia del Consiglio d’Europa per proteggere e promuovere i diritti dell’infanzia

Sarà una giornata che vede i ragazzi protagonisti. Essi si confronteranno su un tema specifico, cioè l'esistenza di aggregazioni giovanili, consulte, consigli dei ragazzi, seguendo una specifica procedura dettata dallo stesso Consiglio d'Europa.

“Creare spazio alla partecipazione” - Un incontro tra ragazzi/ragazze con i politici locali per riportare la loro opinione in merito alla partecipazione alla vita pubblica dei giovani, secondo un obiettivo della programmazione europea per lo sviluppo e la coesione sociale.


Interventi

Assessori delle politiche Giovanili e dell’infanzia dei 20 comuni interessati dalla conferenza dei sindaci; Marica Dalla Valle, Presidente dell’Unione Montana Marosticense; Antonio Bonamin, Amici del Villaggio, Coordinamento regionale per la partecipazione Pidida-Unicef; Stefania Fabbro, Fondazione Pirani Cremona e Coordinamento Città dei ragazzi; Margherita Parolin, Dirigente scolastico; Aurea Dissegna, già Pubblico Tutore dei minori della Regione del Veneto. Coordina Lisa Cerantola, esperta in facilitazione e children advocacy.






L’evento rientra nel progetto territoriale "Ci vogliono bambini, bambine, ragazzi e ragazze per far crescere una città" e si compone di due momenti:

• nella mattinata e nel primo pomeriggio, dalle 9.00 alle 14.30, i rappresentanti dei ragazzi e delle ragazze del territorio si confronteranno tra loro utilizzando uno strumento predisposto dal Consiglio d’Europa per monitorare la partecipazione dei bambini e degli adolescenti (Child Participation Assessment Tool – CPAT)

• dalle 15.00 alle 17.00, i ragazzi e le ragazze presenteranno l’esito del loro lavoro agli adulti (amministratori locali, insegnanti, operatori che a diverso titolo si occupano di infanzia e di adolescenza…), avviando un confronto sul tema della partecipazione dei bambini e degli adolescenti nella vita quotidiana (in famiglia, a scuola, nell’associazionismo, sul territorio…).

Il progetto è sostenuto dai 20 Comuni di pianura del Distretto 1 dell'Azienda ULSS 7 Pedemontana

L’argomento su cui dibattere sarà l’indicatore 8 del CPAT (Chid Participation Assessment Tool) ovvero “I minori devono essere rappresentati nei forum, anche attraverso le proprie organizzazioni, a scuola, a livello locale, regionale e nazionale”.
Il presente progetto diventa così l’azione 2 del progetto territoriale "Ci vogliono bambini, bambine, ragazzi e ragazze per far crescere una città" di cui è capofila il comune di Bassano del Grappa. L’Unione Montana Marosticense ha il ruolo di segreteria amministrativa e contabile.

Verso il 30 settembre:

In data 20/09/2017, i comuni comunicano i nomi dei partecipanti adulti e di due ragazzi per comune. I ragazzi dovranno essere individuati dai dirigenti scolastici a loro discrezione a cui sono state date le seguenti raccomandazioni: “I ragazzi dovranno rappresentare un ampio spettro di coetanei, sia numericamente che di diversa tipologia. Sarebbe opportuno che i ragazzi selezionati siano referenti di classe o di istituto con la capacità di riportare le situazioni, personali e non, riferite a tutte le situazioni e status sociale, comprese le situazioni di disagio (origine, povertà, handicap). A tale scopo, si suggerisce di informare i ragazzi consegnando le dispense allegate7. Eventualmente possono eseguire, ogni uno, un veloce test/intervista ad almeno 10 compagni”.

In data 30/09/2017, in Sala Martinovich, Piazzale Luigi Cadorna 34, Bassano del Grappa, sono invitati gli assessori iscritti assieme ai due ragazzi per comune. La giornata è organizzata in tre fasi:
1. plenaria, introduzione e spiegazione dei principi e delle modalità operative;
2. in gruppi di 7-8 partecipanti si esegue un focus group seguendo le indicazioni date dal CPAT del Consigli d’Europa;
3. plenaria, raccolta dei dati, discussione e proposte per il territorio.

Le varie fasi e i laboratori saranno seguite da personale esperto di comprovata esperienza nel campo della partecipazione ed advocacy per l’infanzia.

COORDINAMENTO NAZIONALE

Responsabile del progetto Sara Vaggi
Advocacy Nazionale e Internazionale
Comitato Italiano per l'UNICEF Onlus
Via Palestro, 68 - 00185 Roma

About Me

Le mie foto
Amici del Villaggio
... attivi per l'infanzia e i giovani
Visualizza il mio profilo completo

APPUNTAMENTI

Tutte le notizie

    Ultime notizie

    News degli Amici del Villaggio